Aquili Alberg

Laura Aquili e Ergian Alberg sono i designer del tavolino in vetro curvato FIAM Sigmy.

Nascono rispettivamente nel 1973 e 1972. Nel 2006, dopo aver acquisito esperienza all’estero presso gli uffici internazionali di Zaha Hadid, OMA, UNStudio, ONL e Fuksas, fondano a Milano lo studio AquiliAlberg che si occupa di architettura, design e grafica.

L’approccio che usano è sperimentale e innovativo: unisce infatti l’esperienza ad alto contenuto tecnologico acquisita all’estero con il loro background che affonda le radici nella contaminazione tra architettura, grafica, arte e design.

Tra i loro clienti ci sono aziende prestigiose come Moroso, Corian, Serralunga, Ritzenhoff e FIAM, per le quali hanno partecipato a diverse fiere di settore.

Nel 2009 vincono il premio Imprese Creative e Innovative 2008 della Provincia di Milano.

Loro articoli e monografie sono pubblicati da diverse riviste e case editrici di settore come Il Sole24Ore, Interni e l’ARCA. I due designer hanno però anche un blog in collaborazione con NOVA100 del Sole 24 Ore dal titolo Des-art-chitecture il cui contenuto riguarda “Emotional, digital and technological cross-pollination between design, art and architecture”.

I progetti dello studio AquiliAlberg sono recensiti su pubblicazioni nazionali e internazionali.

Inoltre, hanno insegnato “Theoretical background on the influence of digital technology on society, culture & architecture” in Olanda alla TUDelft nel programma del Master “Hyperbody” di Kas Oosterhuis.

Tra product design, interior design e architettura… tutti i progetti di maggiore successo

Il primo progetto di product design realizzato è il side-table Vertigo che segna nel 2007 l’inizio della collaborazione tra i due designer e Moroso.

Sempre nel 2007, i designer sono selezionati da Corian by Dupont per disegnare un’edizione limitata del vassoio Fossil per l’evento “Corian: 40 years/40 designers”, una mostra itinerante presentata a New York, Londra, Francoforte, Parigi, Oslo, Bordeaux e Bruxelles.

Il primo progetto di interni segna invece l’inizio della collaborazione con la casa d’aste Christie’s, per la quale disegnano la nuova sede, i nuovi uffici di Milano e il nuovo layout per le aste di Palazzo Clerici a Milano e di Palazzo Lancellotti a Roma.

I progetti di prestigio non finiscono qui: recentemente sono stati infatti incaricati della progettazione di un ambizioso porto turistico a Jesolo.

Il primo progetto di allestimento e grafica arriva nel 2009 quando la Triennale di Milano li incarica in occasione della mostra “La città Fragile”. Mostra a cura del sociologo Aldo Bonomi messa in scena con successo nella prestigiosa sede milanese di Viale Alemagna.

È lo stilista Neil Barrett, invece, a introdurli nel mondo della moda quando li incarica di disegnare la scenografia della sfilata di Milano AW2010.

Partecipano alla prima edizione milanese del format internazionale PechaKucha Night, oltre che all’Innovation Circus, al Rizoma (Biennale Giovane Architetti), al Beyond the Media 2009 e al CanActions (Biennale di architettura di Kiev).